Sei qui: Home
hearder frati 22 9 2013 copia.jpg

In ricordo di Padre Benigno Maria Concas da Gonnosfanadiga

Lettera aperta per la realizzazione di una sala dedicata a Padre Benigno

Carissimi,

per me questo è il dodicesimo anno di permanenza nella amata città di Iglesias e ringrazio il Signore perché mi dà di servire la comunità della Beata Vergine di Valverde in qualità di parroco.

Sin dal mio arrivo, nell'agosto 2004, mi sono subito preoccupato affinché tutti potessero trovare accoglienza e ciascuno potesse avere la possibilità di un incontro serio con la Parola di Dio, con i Sacramenti e con la Comunità.

Alle numerose iniziative di carattere pastorale si sono sempre affiancate le opere di carità, soprattutto col Volontariato vincenziano, e le opere di mantenimento e miglioramento delle strutture parrocchiali: la climatizzazione della chiesa e dei locali parrocchiali, il restauro della chiesa parrocchiale, la ristrutturazione della cappella e del convento dei frati, ecc.

Avvicinandosi il termine del mio mandato come Parroco pensavo di aver terminato le opere materiali, contento di aver fatto abbastanza lasciando alla città e ai miei successori una bella parrocchia e delle strutture materiali adeguate.



Purtroppo la situazione dell'oratorio di Viale Fra Ignazio, dove si svolgono le principali attività catechetico-pastorali-caritative della nostra Parrocchia, in questi anni è andata sempre peggiorando, nonostante siano stati fatti diversi interventi per risolvere il problema dell’infiltrazione dell’acqua piovana. La consultazione con alcuni esperti nel settore, considerati non solo il problema delle infiltrazioni ma anche la necessità per la parrocchia di una grande sala per incontri e riunioni, mi ha portato a ritenere che la soluzione più ragionevole sia la costruzione di una sala sopraelevata che copra l’intera superficie dell’edificio e allo stesso tempo rinforzi e isoli il pianoterra prefabbricato del nostro oratorio; il progetto prevede inoltre l’installazione di una pedana elevatrice e di una scala esterna per l’accesso alla sala, nonché la realizzazione dei necessari servizi igienici, e il completamento con l'arredo e l'impianto di climatizzazione.

Dopo aver chiesto vari preventivi, l’offerta migliore che abbiamo ricevuto per la realizzazione di questi lavori risulta comunque troppo alta per la cassa parrocchiale: non mi resta dunque che confidare nella generosità dei Benefattori.

La fraternità dei Frati minori cappuccini, insieme ad alcuni collaboratori parrocchiali, sta bussando a diverse porte sperando di riuscire a coprire il totale delle spese per la realizzazione di quest'opera che, come detto, oltre a risolvere il problema urgente e serio dell'infiltrazione dell'acqua che mette in serio pericolo la costruzione esistente, diventerà un nuovo luogo di aggregazione e di incontro a diversi livelli, sia per l'evangelizzazione che per le opere socio-caritative e le iniziative culturali, e che sarà sempre al servizio della Chiesa locale. Ecco che bussiamo dunque anche alle vostre porte ed insieme potremo vedere il termine dell’opera.

Vorrei aggiungere un’ultima cosa, ma non meno importante: ci è sembrato doveroso, a un anno dal suo ritorno alla casa del Padre, intitolare la sala al nostro amato padre Benigno Maria Concas da Gonnosfanadiga (1935-2014), il quale ha dedicato alla chiesa di Iglesias, nell’apostolato discreto e instancabile, i primi e anche gli ultimi anni del suo sacerdozio.

Ringrazio di cuore tutti coloro che vorranno contribuire economicamente e assicuro a tutti la nostra preghiera per le vostre famiglie e per ciascuno di voi. Grazie!

Iglesias, 23 settembre 2015.   P. Vincenzo, parroco.

Le offerte a mano vanno consegnate in busta chiusa, direttamente ai frati, con la scritta: Raccolta fondi per costruzione Sala  “Padre Benigno Maria Concas”.

Le offerte possono essere inviate anche  per bonifico bancario al seguente conto: 

Parrocchia B.V. Maria di Valverde Viale fra Ignazio, 4 – 09016 Iglesias.

IBAN: IT82C0101543910000070152342 

Causale: Raccolta fondi per costruzione sala “Padre Benigno Maria Concas.”

Grazie!