Sei qui: Home La "grotta"
hearderdefinitorio2013.jpg

Grotta di Lourdes

Benedizione della Grotta di N.S. di Lourdes

Articolo pubblicato da "Nuovorientamenti" il 4 Marzo 2001

Festa grande attorno alla tomba di Fra Nazareno nella chiesetta di Is Molas nel territorio di Pula, per il nono anniversario della morte.

Una grande folla di oltre settemila fedeli, di miracolati e di semplici amici del Frate famoso. oltre che per qualche intervento “prodigioso” certamente per le moltissime persone che ha consolato con una parola di incoraggiamento, si è riversata nella cittadina della costa occidentale del sud della Sardegna.

Ma in questa occasione si è inserito un avvenimento partico lare, la grande devozione del frate cappuccino per la Vergine Santa si è concretizzata in un rifacimento della grotta di Massabielle a Lourdes che ora è diventata un punto di riferimento per quanti vogliono raccogliersi in preghiera davanti alla Immacolata Concezione che nel 1858 apparve a Bernardette Soubiroux.

Nata per volere Giovanni Caria, che è stato anche uno dei promotori della Chiesetta di Fra Nazareno accanto alla quale sta nascendo con il contributo dei fedeli anche un piccolo convento, la grotta ha accolto il vescovo mons. Alberti che dopo averla benedetta ha concelebrato al suo interno con oltre venti sacerdoti la prima Messa in questa piccola Lourdes.

Durante l’omelia l’arcivescovo ha sintetizzato la grande figura di Fra Nazareno, che in attesa che la Chiesa si pronunci ufficial mente è, comunque per la “gente” già circondato di santità. La sua vita è, infatti una testimonianza evidente della sua bontà del suo essere al servizio tutti, del suo prodigarsi con le parole e con i fatti per il bene di quanti a lui si rivolgevano. La prova evidente è la folla che si è radunata davanti a questa grotta. che incurante della giornata fredda non è voluta mancare al nono appuntamento dopo che il Frate delle caramelle, è andato nella gloria del Signore.

Hanno concelebrato col vescovo, il padre provinciale dei frati cappuccini padre Giovanni Atzori ed il parroco di Pula don Benigno Lai ed oltre una ventina di sacerdoti. Ora anche Pula ha la sua Grotta simile a quella di Lourdes, dai Pirenei al mare di Sardegna, un legame che si è sal dato sulla scia e sull’entusia smo di tutti quelli che venerano quel “fraticello” dal sorriso appena accennato che faceva trasparire tanta serenità che riusciva a trasmettere a tutti coloro che riuscivano ad avvicinarlo.

Andrea Porcu