Sei qui: Home
haederproflongobardi1.jpg

Cappuccini in Sardegna

"LUMEN FIDEI"

SINTESI DELL'ENCICLICA

Città del Vaticano, 5 luglio 2013 (VIS). Di seguito riportiamo una ampia sintesi della "Lumen fidei", prima Enciclica di Papa Francesco, pubblicata oggi, 5 luglio 2013 e datata 29 giugno 2013.

Lumen fidei - La luce della fede (LF) è la prima Enciclica firmata da Papa Francesco. Suddivisa in quattro capitoli, più un’introduzione e una conclusione, la Lettera – spiega lo stesso Pontefice – si aggiunge alle Encicliche di Benedetto XVI sulla carità e sulla speranza e assume il “prezioso lavoro” compiuto dal Papa emerito, che aveva già “quasi completato” l’Enciclica sulla fede. A questa “prima stesura” ora il Santo Padre Francesco aggiunge “ulteriori contributi”.

 

LA FEDE COME ESPERIENZA DI COMUNIONE E DI SOLIDARIETÀ

PRESENTAZIONE DELL'ENCICLICA "LUMEN FIDEI":

Città del Vaticano, 5 luglio 2013 (VIS). Alle 11:00 di questa mattina, presso la Sala Stampa della Santa Sede, si è tenuta la Conferenza Stampa di presentazione della prima Lettera Enciclica di Papa Francesco "Lumen Fidei". Alla Conferenza Stampa sono intervenuti il Cardinale Marc Ouellet, P.S.S., Prefetto della Congregazione per i Vescovi; l'Arcivescovo Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e l'Arcivescovo Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

Nel suo intervento l'Arcivescovo Gerhard L. Müller ha precisato che la "Lumen Fidei" si divide in quattro parti "che possiamo considerare come quattro quadri di un'unica 'pala'.

 

Messaggio del Rettore del Santuario di Iglesias

Festa della Madonna delle Grazie 2013

Carissimi devoti della Madonna,

                   sono trascorsi 278 anni da quando per la prima volta gli Iglesienti sciolsero il Voto fatto alla Madonna delle Grazie che esaudì la loro preghiera liberandoli dall’invasione delle cavallette.

I nostri padri promisero di onorare la Vergine in perpetuo e noi vogliamo continuare questa tradizione.

Anzi, forti del fatto che la Madonna delle Grazie ha risposto alla preghiera dei nostri padri, rinnoviamo ancora le nostre suppliche con la certezza che, oggi come allora, Maria si mostra Madre e ci esaudisce.

Oggi il nostro territorio è colpito da questa crisi economica, che sembra non aver fine, più gravemente di qualunque altra parte della Nazione.

Dopo la chiusura delle miniere e delle  grandi industrie, tocca ormai alle piccole imprese licenziare i propri dipendenti, agli artigiani chiudere bottega … e così aumentano sempre più le famiglie che non hanno il necessario per una vita dignitosa.

Troppi giovani, anche diplomati e laureati, non trovano impiego e spesso perdono anche la speranza di potersi formare una famiglia.

Troppi battezzati convivono o si sposano solo civilmente e la maggior parte delle coppie non ha il coraggio di aprirsi alla vita e, al massimo, si arriva ad avere uno o due figli … la piaga dell’aborto riprende con forza e molte famiglie si sfasciano con la separazione e il divorzio.

 

Messa in San Pietro a 50 anni dalla morte di Giovanni XXIII.

Intervista con mons. Capovilla  

 Il 3 giugno di 50 anni fa si spegneva Giovanni XXIII. Oggi alle 17.00, nella Basilica Vaticana, mons. Francesco Beschi, vescovo di Bergamo, presiederà una Messa per i fedeli della sua Diocesi nell'occasione di questo anniversario. Al termine della celebrazione l’arrivo in Basilica di Papa Francesco. Giovanni XXIII, al secolo Angelo Giuseppe Roncalli, fu eletto 261.mo Pontefice il 28 ottobre 1958, succedendo a Pio XII, e fin dall'inizio rivelò uno stile che rifletteva la sua personalità umana e sacerdotale maturata attraverso una significativa serie di esperienze e un’intensa vita spirituale. Morì la sera del 3 giugno 1963 e fu Beatificato da Giovanni Paolo II il 3 settembre 2000. Per un ricordo personale del "Papa buono", Laura De Luca ha intervistato mons. Loris Capovilla, che fu segretario particolare di Papa Giovanni XXIII: